Cos’è la Riserva Storica dei Sangiovesi di Romagna

La Riserva Storica è una collezione di bottiglie scelte con criteri ben precisi (annata, azienda, formato, territori di riferimento, stile, capacità di invecchiare) che rappresenta l’opportunità di un confronto nel tempo. La Riserva Storica è un’iniziativa che valorizza le diversità territoriali e le custodisce per farle diventare storia consegnando nel tempo una memoria per tutta la Romagna. L’iniziativa nasce a partire da un’idea di Giorgio Melandri che è diventata un progetto portato avanti dal Consorzio Vini di Bertinoro e dal Comune di Bertinoro.

La Riserva Storica nasce dall’idea che la consapevolezza dell’identità richieda una memoria collettiva, anche di bottiglie, che oggi la Romagna non possiede. Una Riserva è l’opportunità di condividere un’esperienza e una riflessione, di farsi conoscere da chi viene da altri luoghi come giornalisti, operatori, appassionati, e permette di ideare degli eventi ad hoc per promuovere la Romagna e i suoi vini.

La Riserva Storica è un progetto che acquisterà valore nel tempo, ma che può già oggi aiutare a creare un’identità condivisa e a indagare il linguaggio del nostro territorio e le diversità dei terroir. Ai produttori della Romagna viene ogni anno richiesto di contribuire a questa iniziativa con alcune bottiglie che vanno a comporre la Riserva Storica. I vini sono stoccati nelle condizioni ideali di invecchiamento presso una sala termocontrollata, a riposare nell’attesa di poter esprimere tutto il loro potenziale.

L’apposita sala è stata ricavata nei locali della Ca’ de Be’ di Bertinoro, ed è stata messa a disposizione dal Comune di Bertinoro. Le prime bottiglie sono state sistemate a dimora il giorno 11 novembre 2011.

La Riserva Storica